CHAMPIONS LEAGUE 2011 - 2012
8° di finale - ritorno
Finale
1.tempo

Marcatori

14 mar 2012
Chelsea - NAPOLI
4-1
1-0
(3-1 dopo i tempi rregolamentari) 28' pt. Drogba, 2' st. Terry, 10' st. Inler, 30' st. Lampard su rigore, 15' pts. Ivanovic

La squadra

L'occasione mancata da Cavani
Il tiro di Inler del 2-1. Festeggiamenti dopo il gol di Inler

24 marzo 2012

CHELSEA - NAPOLI

Reti: 28' pt. Drogba, 2' st. Terry, 10' st. Inler, 30' st. Lampard su rigore, 15' pts. Ivanovic
CHELSEA (4-2-3-1): Cech; Ivanovic, Luiz, Terry (dall'8' p.t.s. Bosingwa), Cole; Essien, Lampard; Sturridge (dal 18' s.t. Torres), Mata (dal 5' p.t.s. Malouda), Ramires; Drogba. (Turnbull, Cahill, Mikel, Kalou). All. Di Matteo
NAPOLI: (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica (dal 5' s.t.s. Vargas); Maggio (dal 37' p.t. Dossena), Inler, Gargano, Zuniga; Hamsik (dal 1' s.t.s. Pandev), Lavezzi; Cavani. (Rosati, Britos, Fernandez, Dzemaili). All. Mazzarri.
Ammoniti: Lampard, Cannavaro, Dossena, Cole, Inler, Campagnaro
Espulsi: -
Angoli: 12-9.
Recupero: 1', 2',-, 2'.
Note: Spettatori 37.784 (tutto esaurito).
Arbitro: Brych (Ger)

Cronaca;

Londra 14 marzo 2012

Napoli, il sogno è finito.Il Chelsea vola ai quarti. La squadra di Mazzarri si arrende 4-1 a Stamford Bridge dopo i tempi supplementari: decide Ivanovic al 105'. I 90' si erano chiusi sul 3-1 per i padroni di casa: reti di Drogba (28'), Terry (48'), Inler (55') e Lampard su rigore (75')

La vecchia guardia del Chelsea ruggisce e si oppone al nuovo che avanza e il Napoli paga l'inesperienza e un pizzico di supponenza. Applausi comunque alla squadra azzurra ma la copertina della serata è tutta nel vigoroso abbraccio Drogba-Di Matteo. Il tecnico-precario azzecca ogni mossa e soprattutto stimola l'orgoglio del vecchio asse blues Terry-Lampard-Drogba e non è un caso vadano a segno proprio loro, quelli accantonati da Villas Boas già archiviato in fretta. In particolare l'ivoriano è un punto di riferimento costante per la squadra di casa, arrivando sempre primo di testa e lottando a gomiti alti su ogni palla. Peccato per il Napoli che si distende discretamente in fase offensiva, ma in quella passiva paga troppo dazio sulle palle inattive. Ora c'è da girare in fretta pagina perché domenica a Udine c'è un match che vale il terzo posto e poi mercoledì c'è da conquistare la finale di Coppa Italia e non sarà facile assorbire questo colpo.

Hamsik pericolosoDe Sanctis mostra subito statura internazionale, perché il forcing iniziale del Chelsea è intenso: Drogba fa il blocco servendo di petto Sturridge, rasoterra potente, ma il portiere azzurro risponde deviando in angolo. Il Napoli fatica un po' a salire, fin quando si abbassa Cavani e con intelligenza e classe fa ripartire l'azione e al 10' Cech si salva di piede su un destro di Hamsik. Prende fiducia il Napoli e in 5' costringe altre due volte alla parata l'estremo ceco su Lavezzi (grande lancio di Inler) e ancora su Hamsik.

Drogba colpisce — Proprio nel momento migliore del Napoli, col Chelsea che abbassa i ritmi per non rischiare troppo, arriva il colpo da fuoriclasse dell'ivoriano. Tutto comincia da uno scontro duro di Maggio con Ramirez, l'azzurro ha la peggio e zoppica vistosamente. Il brasiliano nell'azione successiva sfrutta la menomazione del suo marcatore e crossa comodamente sul primo palo dove la girata di testa di Drogba non perdona. Ora trema il Napoli e Sturridge fa passare i brividi per un paio di volte. Mazzarri è costretto a inserire Dossena, con Zuniga che si sposta a destra. Cavani incrocia troppo un diagonale in contropiede, ma ancora un sussulto allo scadere di tempo per Mazzarri su un tiro-cross di Luiz salvato in scivolata da Cannavaro.

Colpisce jt — Ma le raccomandazioni del tecnico azzurro non bastano e uno svagato Campagnaro: regala un angolo che manda su tutte le furie Mazzarri. Sull'angolo di Lampard svetta Terry e ora è il Chelsea ai quarti.

Inler ancora lui — Il Napoli stavolta reagisce subito e chiude nella propria area i blues. E su una respinta da calcio d'angolo Inler è bravissimo ad addomesticare di petto e a indovinare il destro rasoterra su cui Cech resta di sasso. Azzurri di nuovo in corsa ma ora la partita ha grande intensità agonistica, con le squadre allungate che si colpiscono senza esclusione di colpi.

Colpisce Lampard — Di Matteo gioca la carta Torres. Ma è sempre sulle palle inattive che gli azzurri soffrono e se De Sanctis è eccellente su Ivanovic e Drogba ma sul successivo calcio d'angolo Dossena (che ammonito rischia più volte l'espulsione) allunga la mano e dal dischetto Lampard non sbaglia. Si va al supplementare ma Hamsik e Luiz hanno anche l'occasione per chiudere.

Supplementari — Terry di testa gira a lato, ma il Napoli risponde con Hamsik il suo sinistro al volo è bellissimo ma fuori di poco. Al 100' De Sanctis valuta male un lungo rimbalzo e per fortuna c'è Torres che sbaglia superando le 24 ore in campo senza gol. Peccato però che un inserimento di Ivanovic (diventato centrale al posto dello stremato Terry) in area coglie il Napoli ancora impreparata la difesa del Napoli: destro a botta sicura e 4-1. Ormai non c'è più nulla da difendere e Mazzarri inserisce Pandev e Vargas. Ma manca lucidità e l'immenso Drogba ha anche l'occasione del 5-1. (www.gazzetta.it - Maurizio Nicita)