0
 
6^ Giornata - 1/11/2020
BOLOGNA
3 - 2
CAGLIARI
CROTONE
1 - 2
ATALANTA
INTER
2 - 2
PARMA
NAPOLI
0 - 2
SASSUOLO
ROMA
2 - 0
FIORENTINA
SAMPDORIA
1 - 1
GENOA
SPEZIA
1 - 4
JUVENTUS
TORINO
3 - 4
LAZIO
UDINESE
1 - 2
MILAN
VERONA
3 - 1
BENEVENTO
2
59' Locatelli, 90'+5' Lopez
Arbitro: Mariani di Aprilia
Angoli: 12 a 3
Recupero: 1' p.t. e 7' s.t.
Ammoniti: Locatelli, Bourabia, Ospina.
Espulsi: -
Note: -

(4-2-3-1): Ospina, Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj (70' Mario Rui), Fabian Ruiz, Bakayoko, Politano (78' Zielinski), Mertens (70' Elmas), Lozano (65' Petagna), Osimhen. A disp.Meret, Contini, Rrahmani, Malcuit, Ghoulam, Maksimovic,  Demme, Lobotka. All.Gennaro Gattuso

(4-2-3-1): Consigli, Ayhan, Chiriches, Ferrari, Rogerio, Lopez, Locatelli, Muldur (80' Kyriakopoulos), Traore (68' Defrel), Boga (80' Obiang), Raspadori (88' Marlon). A disp. Vitale, Steau, Piccinini, Pegolo, Peluso, Bourabia, Turati. All. Roberto De Zerbi

Napoli, 1 novembre 2020

Napoli-Sassuolo 0-2: De Zerbi è l'anti-Milan. Un rigore di Locatelli e un gol in pieno recupero di Maxime Lopez condannano Gattuso. Serata no per Osimhen e Mertens.

L’anti-Milan è il Sassuolo. De Zerbi firma il colpo della giornata e tiene il passo di Pioli, restando a due punti di distanza dal primo posto. Cade per la seconda volta consecutiva in casa il Napoli, già battuto la scorsa settimana in Europa League dall’Az Alkmaar: per Gattuso è la prima sconfitta in campionato sul campo (l’altra era arrivata a tavolino con la Juve). A decidere un rigore di Locatelli, segnalato dal Var Fourneau (l’arbitro di Crotone-Juve) per un contatto fra Di Lorenzo e Raspadori non visto in tempo reale dall’arbitro Mariani, e il raddoppio in pieno recupero di Maxime Lopez, arrivato dopo le proteste del Napoli per una trattenuta su Osimhen nell’area opposta.

Napoli, quante occasioni sprecate! - Una serata amara per il Napoli che ha sofferto molto la qualità di palleggio del Sassuolo (57% di possesso), ma deve soprattutto prendersela con se stesso per non aver concretizzato nessuna delle tante occasioni create in attacco (ha chiuso con 22 tiri a 8). Non è stata giornata per Osimhen (almeno due clamorose chance sprecate) e per Mertens, anche lui irriconoscibile sotto porta e addirittura sostituito nell’ultima parte di gara con gli azzurri sotto. Errori imperdonabili che hanno dato fiducia alla squadra neroverde, capace di mantenere la sua identità al San Paolo nonostante le pesantissime assenze di Caputo, Berardi e Djuricic.

PRIMO SUSSULTO - È del Napoli, ma per un errore di Consigli che nell'avviare l'azione dalla propria area, consegna il pallone sul destro di Osimhen. La conclusione dell'attaccante tarda di un solo attimo, ma necessario a Consigli per rialzarsi e respingere il pallone con la porta completamente vuota (11'). La partita è vivace, ma si conclude poco. Il Sassuolo non si snatura affatto e non teme questo Napoli. Tant'è che lo attacca lavorando molto sulle due fasce, dove a destra s'inserisce Muldur e a destra Boga. Entrambe le squadra, in ogni modo, sono molto attente in difesa. Manolas e Koulibaly da una parte e Chiriches e Ferrari dall'altra sono ottimi guardiani a sostegno dell'impegno di Ospina e Consigli. È il 29' quando Traoré dal limite dell'area effettua un tiro cross sul quale l'estremo difensore napoletano interviene deviando in angolo.

ANCORA OSIMHEN - Le migliori opportunità per il Napoli nascono dagli errori degli avversari. Come al 33', quando Muldur batte debolmente una rimessa laterale e Osimhen ne approfitta per involarsi verso Consigli: la conclusione è da dimenticare. Un minuto dopo, ci prova Fabian Ruiz, ma il portiere emiliano è pronto a respingere. Il tempo si chiude con una gran botta di Boga, dal limite, che Ospina devia in angolo.

VANTAGGIO SASSUOLO - La ripresa si apre con una punizione di Mertens, dalla distanza, che Consigli devia in calcio d'angolo. Ma è il Sassuolo a trovare il vantaggio al 12'. L'azione però è precedente, quando Di Lorenzo tocca con un pestone Raspadori che, dopo due passi, si lascia cadere in piena area di rigore. Mariani, il direttore di gara, fa segno di continuare ed in effetti il Napoli prova a ripartire, ma dalla Var, Fourneau, suggerisce all'arbitro di rivedere l'azione. Un rapido sguardo al monitor e Mariani rivede la sua decisione iniziale indicando il dischetto. Alla battuta ci va Locatelli che spiazza Ospina per il suo primo rigore in serie A. Gattuso incassa il colpo, mentre De Zerbi sembra tarantolato, si sbraccia e richiama i suoi ad una maggiore concentrazione. Dalla panchina del Napoli, allora si alza Petagna che il tecnico inserisce al posto di Lozano. La pressione napoletana aumenta e il Sassuolo di difende con ordine, senza perdere la calma. Politano mette sul piede di Mertens un pallone da spingere soltanto in porta, ma l'attaccante belga fallisce clamorosamente. Nei minuti di recupero succede di tutto, il Napoli trova il pareggio con Manolas, ma Mariani annulla per un fuorigioco. Osimhen protesta per una trattenuta in area, ma l'arbitro fa segno di proseguire e nel capovolgimento di fronte, Lopez scarta l'intera difesa napoletana e realizza il secondo gol del Sassuolo. I neroverdi ora fanno sul serio e volano al secondo posto in classifica.


Classifica P. G. V. N. P. F. S.

Marcatori

1
MILAN
16
6
5
1
0
14
5
Mertens (2)
2
SASSUOLO
15
6
4
2
0
18
9
Insigne (2)
3
ATALANTA
12
6
4
0
2
17
13
Lozano (4)
4
JUVENTUS
12
6
3
3
0
14
5
Zielinski (1)
5
NAPOLI (-1)
11
6
4
0
2
14
7
Elmas (1)
6
INTER
11
6
3
2
1
15
10
Politano (2)
7
ROMA
11
6
3
2
1
13
10
Osimhen (1)
8
VERONA
11
6
3
2
1
8
3
Politano (1)
9
LAZIO
10
6
3
1
2
10
12
 
10
SAMPDORIA
10
6
3
1
2
11
9
 
11
CAGLIARI
7
6
2
1
3
13
16
 
12
FIORENTINA
7
6
2
1
3
10
12
 
13
BOLOGNA
6
6
2
0
4
11
12
 
14
BENEVENTO
6
6
2
0
4
10
17
 
15
SPEZIA
5
6
1
2
3
8
15
 
16
PARMA
5
6
1
2
1
8
13
 
17
GENOA
5
5
1
2
2
5
10
 
18
UDINESE
3
6
1
0
5
6
11
 
19
TORINO
1
5
0
1
4
11
16
 
20
CROTONE
1
6
0
1
5
6
17