Terzo turno

Data

Incontro

R.Fin.

1° t.

Marcatori
16-08-09
NAPOLI - Salernitana

3-0

2-0

29' pt Maggio (N), 43' pt Lavezzi (N), 38' st Hoffer (N)

NAPOLI (3-5-2): De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro, Aronica, Maggio (15' st Santacroce), Gargano, Bogliacino (34' st Blasi), Hamsik, Datolo, Lavezzi (25' st Hoffer), Quagliarella. A disp. Navarro, Rullo, Rinaudo, Denis. All. Donadoni

SALERNITANA (4-4-2): Polito, Kyriazis, Fusco (21' Russo), Stendardo, Galasso, Tricarico (14' Pepe), Pestrin, Carcuro (1' st Statella), Soligo, Ferraro, Caputo. A disp. Iuliano, Cartone, Agresta, Bastrini. All. Brini

Arbitro: Gervasoni di Mantova Il 1° gol, realizzato da Maggio

Note: al 20' st Polito ha parato un rigore di Datolo. Ammonito Blasi.

Cronaca:
NAPOLI, 16 agosto - Vince e convince il Napoli di Donadoni alla prima apparizione ufficiale della stagione. Segna, gioca bene, si diverte e travolge la Salernitana al San Paolo: un 3-0 secco firmato Maggio (ormai completamente recuperato), Lavezzi (osannato dal pubblico e protagonista di un bacio alla maglia dopo il gol) e Hoffer (in rete alla sua prima partita ufficiale in azzurro). L'unica amarezza della serata per Datolo, che sul 2-0 si è guadagnato ma poi ha fallito un calcio di rigore: per lui segnare con il Napoli dopo aver trovato il gol con l'Argentina sarebbe stato il massimo.


Quarto turno

Data

Incontro

R.Fin.

Marcatori
26-11-09
NAPOLI - Cittadella
1-0
27' p. Bogliacino
NAPOLI (3-4-2-1) Iezzo; Grava, Rinaudo (dal 2' s.t. Aronica), Contini; Zuniga, Amodio, Bogliacino (dal 26' s.t. Gargano), Rullo (dal 18' s.t. Hoffer); Pià, Datolo; Denis. All. Mazzarri.

CITTADELLA (4-4-2) Pierobon; Manucci, Pisani, Cherubin, Teoldi; Volpe (dal 23' s.t. Oliveira), Musso, Carteri (dall' 8' s.t. Dalla Bona), Bellazzini; De Gasperi, Ardemagni, (dal 13' s.t. Curiale). All. Foscarini.

Arbitro: Celi di Campobasso

Espulso: Pisani (C) al 36' s.t g.sc.
Ammoniti: Amodio, Grava (N), Carteri, De Gasperi, Manucci (C) per g. sc.
Note: spettatori 30 mila circa. Angoli 5-6. Recuperi: 0' p.t., 6' s.t.

Cronaca: Missione compiuta: il Napoli avrà la Juve negli ottavi di finale per inseguire l' Europa anche attraverso la Coppa Italia. L' obiettivo e il risultato soddisfano Mazzarri che lo raggiunge schierando solo un paio di titolari, facendo riposare gli altri per Parma. Ma, com' era logico, sul piano del gioco si è visto poco e il Cittadella avrebbe strameritato di arrivare almeno ai supplementari visto che ha avuto almeno quattro occasioni nitide. Clamorose quelle di Curiale che a metà ripresa sbaglia a porta vuota e poi al 96' , con una girata di testa, sfiora il palo. Il pubblico indispettito alla fine fischia gli azzurri e riserva applausi scroscianti per il Cittadella, per la prima volta sconfitto al San Paolo, dove 5 anni e due mesi fa tenne a battesimo con un 3-3 (in gol Carteri e De Gasperi, sempre presenti) l' era De Laurentiis. Chiave uruguagia Mazzarri, che deve rinunciare per una indisposizione a Cigarini, si affida a una mediana uruguaiana, con Amodio al debutto stagionale (come Iezzo e Rullo) e Bogliacino. All' inizio gli azzurri fanno più fatica, ma è proprio quest' ultimo a dimostrare al tecnico di poter competere coi titolari: qualche apertura interessante, buona gestione di palla e soprattutto tempismo nelle entrate. E così, quando Zuniga, finalmente ritrovato nella sua posizione naturale a destra, s' incunea in profondità, il suo cross trova puntuale proprio Bogliacino per la precisa girata a rete. È questo uno dei pochi lampi di un Napoli che non trova mai Denis come terminale di gioco, con Pià che spreca le occasioni migliori e Datolo che gira a vuoto, oltre a qualche svarione difensivo. Cittadella da applausi Sfiorata la serata di gloria per i veneti. Ma logicamente, al di là dell' amarezza per le occasioni sprecate, Foscarini pensa al campionato e alla trasferta di lunedì a Mantova. Può essere soddisfatto il tecnico dei veneti, perché ha ritrovato in difesa Cherubin e Manucci, precisi e affidabili, la vivacità di Bellazzini (col suo insidioso sinistro tre volte ha tirato con grande efficacia) e l' insidioso Ardemagni che hanno impegnato più volte Iezzo, ottimo per reattività al suo rientro.



Ottavi di finale

Data

Incontro

R.Fin.

Marcatori
13-01-10
Juventus - NAPOLI
3-0
24′ pt Diego, 32′ st Del Piero, 37′ st Del Piero rig.

JUVENTUS (4-3-2-1) Manninger, Caceres (38′ st Zebina), Legrottaglie, Chiellini, Grosso (1′ st Grygera), Salihamidzic, Felipe Melo, De Ceglie, Diego, Del Piero (40 st Immobile), Amauri. A disp. Chimenti, Cannavaro, Giandonato, Rossi. All. Ferrara

NAPOLI (3-5-2) Iezzo, Campagnaro (31′ st Quagliarella), Rinaudo, Contini, Zuniga, Gargano, Cigarini, Dossena (15′ st Hamsik), Datolo, Denis, Hoffer (17′ st Maggio). A disp. Gianello, Aronica, Cannavaro, Pazienza. All. Mazzarri.

Arbitro: Romeo di Verona Note: ammoniti De Ceglie, Cigarini.

Espulso: Espulso al 36' st Contini per doppia ammonizione.
Ammoniti: De Ceglie, Cigarini
Note: spettatori 30 mila circa. Angoli 5-6. Recuperi: 0' p.t., 6' s.t.

Cronaca: TORINO, 13 gennaio 2010 - Orgoglio e cuore. E un Diego finalmente determinante. Con queste armi la Juventus batte il Napoli all'Olimpico negli ottavi di finale di Coppa Italia e si guadagna la sfida con l'Inter, a Milano, del 28 gennaio. Ma soprattutto dimostra ai tifosi attaccamento alla maglia, dopo 6 sconfitte nelle ultime 8 uscite, e a Ferrara che la squadra è con lui, aggrappato con le unghie e con i denti alla panchina bianconera, dopo che il CdA, già prima della partita, gli aveva rinnovato, almeno nominalmente, la fiducia. La gara finisce 3-0, gol di Diego e doppietta di Del Piero, gli uomini di maggiore qualità, che condiscono con la rete un'ottima prestazione personale. Un Diego così non si vedeva dalle partite dell'Olimpico di inizio campionato, Del Piero quest'anno non aveva quasi mai giocato, limitato dagli infortuni e confinato in panca dalla forma fisica non ottimale più ancora che dalla concorrenza e dalle esigenze tattiche. Stasera è tornato padrone del suo stadio, capitano ed esempio. Il Napoli, che era reduce da 12 risultati utili consecutivi, mai sconfitto nell'era Mazzarri, subisce un punteggio che lo punisce oltre i demeriti. È stato in partita fino allo 0-3, sfiorando il pari con la traversa di Hamsik e giocandosela alla pari nonostante tante riserve schierate. Si conferma squadra in salute, ma non ripete la rimonta dell'11ª giornata di campionato.

Schieramenti e orgoglio Juve — Che mette in campo tutte le energie nervose che ha. Quelle fisiche sono al minimo, perchè la Juve ha gli uomini contati, con tre Primavera in panchina, dove per il resto siedono solo difensori. Ma i bianconeri stasera si giocano un obiettivo stagionale, e forse anche la faccia, e allora ci mettono l'anima. Aiuta anche l'assetto tattico, logico e funzionale agli effettivi a disposizione: Diego gioca vertice alto del rombo dietro a Del Piero, che affianca Amauri in avanti. Mazzarri vara il turn over. Si gode il debutto di Dossena, appena arrivato dal Liverpool, e schiera un inedito tridente offensivo: centravanti Denis, ai suoi fianchi Hoffer e Datolo.

Diego gol — La partita è molto fisica. Parecchi falli, per la Juve la partita di stasera vale più di quanto varrebbe in assoluto un ottavo di finale di Coppa Italia, per il Napoli è comunque importante, perchè le seconde linee vogliono far vedere a Mazzarri che può contare su di loro. Vogliono mantenere l'imbattibilità e ripetere lo scherzetto del 31 ottobre ai bianconeri, battuti in rimonta in questo stadio. Amauri di testa sfiora il gol, sulla linea salva Cigarini, Del Piero poi segna in evidente fuorigioco. Il gol del vantaggio bianconero porta una firma illustre e attesa, quella di Diego. Che Al 24' porta avanti i suoi, segnando la prima rete all'Olimpico da juventino. Con un sinistro sporco, sugli sviluppi di un cross di Salihamidzic ribattuto. Alla sorgente dell'azione c'era però a terra Datolo, acciaccato, ma De Ceglie ha continuato a giocare. Tutto il Napoli protesta per il mancato fair play, inutilmente. Poi è la Juve a prendersela con Romeo, quando Contini, già ammonito, calpesta Del Piero. È proprio il capitano bianconero, sempre nel cuore della gara, a differenza di Amauri, a mancare il raddoppio, concludendo debolmente da buona posizione. All'intervallo è 1-0 Juve.

Pali — Nella ripresa Napoli subito aggresssivo, che prende campo, ma non "morde" sottoporta. Al 15' entra Hamsik, al posto di Dossena, autore di onesto esordio. Il Napoli reclama per un presunto mani in area di Melo. Poi arrivano un legno per parte. Prima quello di Diego, ben imbeccato da Del Piero, con un destro incrociato,. Poi la traversa di Hamsik con un destro meraviglioso dalla grande distanza. Conclusione improvvisa e violentissima.

Chiude Del Piero — Prima con un gol da centravanti, con un destro sottomisura su cross di Caceres, poi uscito acciaccato, quindi su rigore, guadagnato da Diego su assist del numero dieci. Che segna così i suoi primi gol stagionali e tira fuori Ferrara dalle sabbie mobili. (www.gazzetta.it - Riccardo Pratesi)

Coppa Italia
2008 - 2009

Coppa Italia
2010 - 2011