1
 
28^ GIORNATA 15/03/2009

ATALANTA

2 - 0

TORINO
CAGLIARI

0 - 1

GENOA
INTER
2 - 0 FIORENTINA
JUVENTUS

4 - 1

BOLOGNA
LAZIO

0 - 3

CHIEVO
PALERMO

5 - 2

LECCE
REGGINA

1 - 1

NAPOLI
SAMPDORIA

2 - 2

ROMA
SIENA

1 - 5

MILAN
UDINESE
1 - 1 CATANIA
1
   
27' pt. Corradi, 19' st. Lavezzi
Arbitro: Trefoloni di Siena (assistenti Foschetti e Tonolini, IV° uomo Baracani)
Angoli: 6 - 4
Recupero: 2', 4'
Ammoniti: Cirillo 33', Corradi 41', Bogliacino 69', Zalayeta 83', Aronica 89'
Espulsi: -

Note: Tempo bello, spettatori 10.000 circa.

(3-4-1-2): 1 Puggioni; 55 Lanzaro, 16 Valdez, 5 Cirillo (Krajcic 70'); 77 Sestu(Stuani 86'), 35 Carmona, 17 Barillà, 3 Costa; 10 Cozza (Di Gennaro 79'); 81 Brienza, 9 Corradi. PANCHINA: 26 Marino, 19 Krajcik, 4 Cascione, 40 Adejo, 11 Ceravolo, 86 Stuani, 88 Di Gennaro. All. Orlandi

(4-3-1-2): 30 Navarro; 13 Santacroce, 28 Cannavaro, 96 Contini, 6 Aronica; 5 Pazienza, 8 Blasi, 18 Bogliacino (Montervino 79'); 17 Hamsik; 7 Lavezzi, 25 Zalayeta (Russotto 87'). PANCHINA: 70 Bucci, 2 Grava, 83 Rinaudo, 4 Montervino, 32 Amodio, 9 Denis, 20 Russotto. All. Donadoni

REGGIO CALABRIA, 15 marzo 2009 L'esultanza di Lavezzi dopo il gol del pareggio

Il Napoli, con l'ex c.t. al debutto in panchina, impatta 1-1 in casa dell'ultima in classifica, che gioca meglio nel primo tempo e passa con Corradi. Gli azzurri, che arrivavano da nove sconfitte esterne consecutive, reagiscono nella ripresa e trovano il meritato pari con Lavezzi

Quando entrambe le squadre hanno bisogno di vincere spesso finisce in parità. Una delle regole non scritte del calcio si conferma in Reggina-Napoli, che finisce 1-1. E il verdetto ci pare giusto. Meglio la Reggina nel primo tempo, mentre gli ospiti con una ripresa non brillante ma piuttosto incisiva trovano un punto che fa morale. E che pare di buon auspicio per la nuova avventura di Roberto Donadoni.

TUTTO COME PRIMA - L'ex c.t. della Nazionale, che sa benissimo di non poter fare più di tanto in tre giorni, insiste con il 4-3-1-2 proposto da Reja nelle ultime giornate. Anche gli uomini sono praticamente gli stessi, viste anche le alternative limitate a disposizione. Anche se quel Denis inchiodato alla panchina per 90' fa riflettere.

ATTACCO EQUILIBRATO -Il gol di Lavezzi Orlandi è consapevole che è giunto il momento di rischiare qualcosa. La sua squasra è viva ma ci vogliono un paio di vittorie per schiodarsi da quell'immeritato ultimo posto. E allora propone Cozza alle spalle di Brienza e Corradi, con Sestu inesauribile cursore a destra. La Reggina, molto corta e compatta, concede comunque poco ad un Napoli che fa una certa fatica a creare situazioni pericolose.

SVOLTA - La supremazia dei padroni di casa si concretizza al 27': il Napoli perde una brutta palla a centrocampo con un intervento che pare falloso ai danni di Bogliacino, Cozza verticalizza subito in area per Corradi, tenuto in gioco da Aronica. Corradi non si fa sfuggire l'occasione e supera Navarro di sinistro.

ORGOGLIO - Se il gioco resta parecchio deludente, nel Napoli la reazione rispetto ad altre recenti prestazioni c'è. Cannavaro si muove bene in area e Valdez lo ferma toccando con un braccio. La distanza è minima, ma il braccio largo del difensore di Orlandi, unito a un gesto un po' innaturale, fanno pensare al rigore. Ma Trefoloni sorvola. Puggioni vigila bene sul colpo di testa di Pazienza e manda i suoi al riposo ancora in vantaggio.

DECISIONE - Inizia la ripresa e la Reggina commette l'errore di arretrare troppo, dando fiducia a un Napoli più deciso. Puggioni non corre comunque grossi pericoli, fino a quando capitola al 19'. Gran parte del merito per il gol va a Zalayeta, fin lì abulico, che controlla una gran palla in area e costringe il portiere della Reggina all'uscita. L'estremo difensore di Orlandi riesce a intervenire in maniera pulita, ma Lavezzi si avventa sulla palla e ribadisce in gol.

SERBATOIO VUOTO - La Reggina accusa un evidente calo fisico e non riesce più a creare pericoli, fatta eccezione per un colpo di testa di Stuani nel recupero. Il Napoli prova a far male sullo slancio ma non ha grande lucidità. Dopo nove sconfitte consecutive in trasferta un pari può andare bene, anche se ottenuto contro l'ultima in classifica. Anche perchè la Reggina, a dispetto di una classifica molto preoccupante, non sembra affatto la peggior squadra della serie A in questo momento. La salvezza è a sette punti: molto difficile, ma non impossibile con un paio di colpi. (gazzetta.it - Jacopo Gerna)



 Classifica 2008-2009 Serie A

P.

G.

V.

N.

P.

F.

S.

Marcatori

INTER
66
28
20
6
2
51
21
DENIS (7)
JUVENTUS
59
28
18
5
5
47
22
HAMSIK (9)
MILAN
54
28
16
6
6
51
28
ZALAYETA (2)
GENOA
48
28
13
9
6
37
27
LAVEZZI (7)
FIORENTINA
46
28
14
4
10
38
29
MAGGIO (4)
ROMA
46
28
13
7
8
43
37
MANNINI (1)
PALERMO
42
28
13
3
12
39
37
PAZIENZA (1)
LAZIO
41
28
12
5
11
39
40
VITALE (1)
CAGLIARI
39
28
11
6
11
33
29
AUTOGOL (1)
ATALANTA
39
28
12
3
13
33
31
 
NAPOLI
36
28
10
6
12
33
33
 
UDINESE
36
28
9
9
10
38
39
 
CATANIA
34
28
9
7
12
29
34
 
SAMPDORIA
33
28
8
9
11
28
35
 
SIENA
31
28
8
7
13
23
31
 
CHIEVO
27
28
6
9
13
24
36
 
BOLOGNA
26
28
6
8
14
31
46
 
TORINO
24
28
5
9
14
25
42
 
LECCE
23
28
4
11
13
24
46
 
REGGINA
20
28
3
11
14
22
45
 

Camp. 2008/09
27^ giornata

Camp. 2008/09
29
^ giornata