Play off - andata
Finale
1.tempo

Marcatori

18 set 2018
Stella Rossa - NAPOLI
0 - 0
0 - 0
-

 

18 settembre 2018


Stella Rossa 0 - 0 NAPOLI

Reti: -
Stella Rossa : (4-2-3-1): Borjan; Stojkovic, Degenek, Savic, Rodic; Jovicic (dall'11' s.t. Jovancic), Krsticic; Ben Nabouhane, Causic, Marin (dal 41' s.t. Simic); Boakye (dal 36' s.t. Pavkov). (Popovic, Babic, Gobeljic, Ebecilio). All. Milojevic.
NAPOLI: (4-4-2): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Rui; Allan (dal 16' s.t. Mertens), F. Ruiz, Zielinski (dal 30' s.t. Hamsik); Callejon (dal 30' s.t. Ounas), Milik, Insigne. (Karnezis, Luperto, Maksimovic, Rog). All. Ancelotti.
Ammoniti: Allan, Krsticic, Degenek, Albiol, Milik, Rui.
Espulsi: -.
Angoli: 9 a 2
Recupero: 0' p.t., 4' s.t
Note: Spettatori: cinquantacinquemila circa.
Arbitro: Marciniak (Pol)

Belgrado, 18 settembre 2018

La traversa ferma Insigne, solo un pari a Belgrado.Nella bolgia del Marakana non basta il cuore alla squadra di Ancelotti, che contro i serbi non rischia mai ma alla fine è costretta ad accontentarsi di un solo punto

Se l'anno scorso con Maurizio Sarri era arrivata la sconfitta a Donetsk con lo Shakhtar, il debutto in Champions League non e' andato molto meglio quest'anno al nuovo Napoli di Carlo Ancelotti, incapace di andare al di la' dello 0-0 a Belgrado contro la Stella Rossa. Non sono bastati voglia, cuore, intensita' e palle-gol ai partenopei per andare a prendersi i tre punti nella bolgia di Belgrado in quella che - considerate le altre rivali del Girone C (3-2 del Liverpool sul Psg nell'altro match del raggruppamento) era una gara da vincere a ogni costo. Cosa e' mancato? Un po' di fortuna - soprattutto sul legno colpito nel primo tempo da Insigne - e quella cattiveria sotto porta necessaria in partite come questa.

Le scelteNel catino del Marakana sono due le novita' rispetto al match vinto in campionato con la Fiorentina: dentro Fabian Ruiz per Hamsik a centrocampo e Milik per Mertens in attacco al fianco di Insigne nella sua nuova versione da attaccante puro e nell'occasione con la fascia da capitano al braccio. Resta invece lo stesso il modulo, un 4-4-2 reso "fluido" dai movimenti degli esterni Callejon e Zielinski - pronti ad alzarsi a turno per andare a formare una sorta di tridente - e dallo stesso 'Lorenzo il Magnifico', a cui il tecnico concede la licenza di svariare e all'occorenza indietreggiare sulla linea dei trequartisti di quello che a tratti diventa un 4-2-3-1. Proprio questo e' invece lo schieramento scelto dal tecnico di casa Milojevic, che consegna le chiavi della mediana a Jovicic e a Krsticic mentre davanti punta tutto su Boakye, 25enne ghanese ex di Genoa, Sassuolo, Juventus, Atalanta e Latina.

Solo Napoli - Il copione del match e' chiaro fin dall'avvio e a prendere il comando del gioco sono subito gli azzurri, le cui maglie sono per l'occasione "sporcate" da inediti inserti giallo-fosforescente. A coprire la difesa resta così solo Allan che già al 17' finisce sul taccuino dell'arbitro per una trattenuta su Krsticic partito in contropiede. Il primo grande brivido lo regala Insigne al 18' ed e' solo la traversa a negargli il gol dopo un fantastico destro di collo-esterno da fermo scagliato dai 25 metri. La Stella Rossa resta rintanata nella propria meta' campo e anche Fabian Ruiz ci prova cosi' dalla distanza, ma la sua conclusione e' troppo debole e centrale per impensierire Borjan. E' invece una prodezza quella che l'estremo difensore di casa compie un minuto dopo, salvandosi di piede sul destro in controbalzo di Milik messo davanti alla porta da un lancio millimetrico di Zielinski. L'unico pericolo per i partenopei e' quello di perdere l'equilibrio nel tentativo di sbloccare la gara e al 37' rischia così grosso il già ammonito Allan, stavolta graziato dopo un fallo su El Fardou Ben dall'arbitro polacco Marciniak che non mostra invece la stessa indulgenza per le proteste di Krsticic. E dopo la prima parata di Ospina - intervento facile sul tentativo di El Fardou Ben - si va al riposo con le porte inviolate.

Bunker serbo - Al rientro dagli spogliatoi ci sono gli stessi ventidue e a ripartire all'attacco e' ancora il Napoli, che insiste pero' troppo con la soluzione dalla distanza: al 49' destro di Allan e parata facile di Borjan. Molto piu' pericolosi gli azzurri al 53': Milik fa da boa e apre per Mario Rui, cross teso dalla sinistra per Insigne che nel cuore dell'area prova il colpo di tacco senza pero' inquadrare lo specchio. Due minuti dopo e' Zielinski a sfruttare un varco sulla stessa corsia, ma entrato in area si fa recuperare e chiudere da Rodic. Ora il Napoli preme e Degenek si becca il giallo dopo aver fermato con la mano un'azione orchestrata da Callejon: sulla punizione Mario Rui pennella con il mancino e scheggia la traversa. La replica della Stella Rossa e' affidata a Boakye - che costringe Albiol al fallo da ammonizione - e a Jovancic che al 58', appena entrato al posto di Jovicic, chiama di nuovo in casa Ospina come fa un minuto dopo sull'altro fronte Zielinski con Borjan.

Assalto finaleAncelotti decide che e' il momento di forzare i tempi e toglie l'incontrista Allan per dare ancora piu' peso all'attacco con Mertens (64'). Ed e' proprio il belga a sfiorare subito il palo su cross basso dalla destra di Callejon. Lo spagnolo ci prova cosi' da solo al 67' sull'ennesima iniziativa di Mario Rui, ma sulla traiettoria del piazzato si trova ben posizionato il difensore Rodic che salva sulla linea. A un quarto d'ora dalla fine arriva il momento di Hamsik e Ounas (fuori Zielinski e Callejon), ma a rendersi pericoloso e' di nuovo Insigne con un destro dal limite deviato dal portiere che si ripete poi su Mario Rui e al 79' viene imitato da Ospina, sicuro in presa bassa sulla botta dell'esausto Boakye (all'81' dentro Pavkov al suo posto, seguito all'86' da Simic che rileva Marin). Con l'acido lattico che inizia ad appesantire le gambe inizia a venire meno la lucidita' ma il Napoli ci prova comunque fino alla fine, senza pero' riuscire piu' a pungere. E ad aumentare l'amarezza arrivano nel recupero anche le ammonizioni di Milik e Mario Rui: finisce con uno 0-0 che non compromette ancora nulla, ma di certo rende ancora piu' complicata la corsa verso gli ottavi per "Carlo Magno" e la sua truppa che a fine ringraziano comunque i mille tifosi giunti fino a Belgrado.