Play off - andata
Finale
1.tempo

Marcatori

28 nov 2018
NAPOLI - Stella Rossa
3 - 1
2- 0
11' pt Hamsik, 33' pt Mertens, 7' st Mertens, 12' st Ben

 

28 novembre 2018


NAPOLI 0 - 0 Stella Rossa

Reti: 11' pt Hamsik, 33' pt Mertens, 7' st Mertens, 12' st Ben
NAPOLI: (4-4-2): Ospina; Maksimovic, Albiol (dal 1' s.t. Hysaj), Koulibaly, Mario Rui; Callejon (dal 41' s.t. Rog), Allan, Hamsik, Fabián; Insigne (dal 32' s.t. Zielinski), Mertens. (Karnezis, Malcuit, Diawara, Milik). All.: Ancelotti

Stella Rossa : (4-4-1-1): Borjan; Gobeljic, Degenek, Babic, Rodic; Ben Nabouhane,, Srnic (dal 20' s.t. Jovancic), Krsticic, Simic (dal 32' s.t. Ebecilio); Marin; Stoiljkovic (dal 1' s.t. Joveljic). (Popovic, Pavkov, Cafù,, Sumaila). All.: Milojevic
Ammoniti: Kristicic, Jovancic, Gobeljic (S), Hysaj (N).
Espulsi: -.
Angoli: 7 a 3
Recupero: 3' p.t., 3' s.t
Note: Spettatori: cinquantacinquemila circa.
Arbitro: Gil Manzano (Spa) (Rodriguez-Sevilla/De Cerain; Munuera, De Burgos)

Napoli, 28 novembre 2018

Champions League, Napoli-Stella Rossa 3-1: doppietta di Mertens. Grande partita degli uomini di Ancelotti che al San Paolo battono i serbi grazie alla grande serata dell'attaccante belga. Di Hamsik l'altro gol partenopeo. Fra due settimane a Liverpool la sfida decisiva per la qualificazione agli ottavi.

Era cruciale vincere e il Napoli lo ha fatto d'autorita'. Ora, pero', servira' l'ultimo sforzo a Liverpool per centrare un obiettivo che dopo i sorteggi di Nyon sembrava una chimera. Al San Paolo la squadra di Ancelotti supera l'ostacolo Stella Rossa senza eccessivi patemi grazie ad una partita di grande personalita' e ad un Mertens in serata da Champions. Il 3-1 finale porta la firma dell'attaccante belga, autore di una doppietta, oltre a quella di Hamsik, protagonista in occasione del primo gol della serata. La festa azzurra non e' stata rovinata dal diagonale vincente di El Fardou, arrivato quando ormai il risultato era in cassaforte. Adesso, pero', per centrare gli ottavi servira' non perdere fra due settimane a Liverpool, o addirittura perdere con un gol di scarto ma segnandone almeno uno (2-1, 3-2, 4-3 e così via). 

LE SCELTE - Memore del pareggio dell'andata a Belgrado, Ancelotti dimostra di non sottovalutare gli avversari e rispetto allo sfortunato pareggio in campionato contro il Chievo ne cambia sei con Ruiz preferito a Zielinski. In avanti la coppia Mertens-Insigne.

PRIMO TEMPO - La differenza tecnica fra le due squadre appare evidente fin dalle prime battute. Il Napoli si prende il pallone e lascia alla Stella Rossa le briciole. Dopo sei minuti - e un brivido per un problema fisico a Ospina poi rientrato - arriva il primo squillo partenopeo: Callejon mette in area un pallone teso sul quale Mertens si avventa di tacco: il gol dell'anno sfuma solo per la grande risposta del portiere serbo Borjan. 
E' solo l'antipasto del gol che arriva all'11' grazie al tocco sotto misura di capitan Hamsik dopo una spizzata di Maksimovic sull'angolo di Mertens. L'1-0 permette al Napoli di rifiatare e alla Stella Rossa di alzare la testa dopo l'inizio choc. Al 23' i serbi sfiorano il pari con una bella verticalizzazione di Marin per Simic che aggira Maksimovic ma calcia troppo debolmente per impensierire Ospina. Il brivido corso dalla retroguardia di casa alza di nuovo il livello di attenzione della squadra di Ancelotti che torna a sciorinare calcio e a costruire occasioni da gol: Koulibaly di testa esalta i riflessi di Borjan, Fabian Ruiz dalla distanza azzecca la potenza ma pecca in precisione. Il gol del raddoppio e' nell'aria e si materializza al 33' quando Mertens finalizza da campione una grande azione portata avanti da Fabian Ruiz sulla corsia di sinistra.  Il 2-0 non placa la fame azzurra. Callejon prima e Insigne  poi sprecano due tentativi per il tris che metterebbe i titoli di coda al match con un tempo di anticipo. Il Napoli va comunque a riposo con un convincente 2-0. 

SECONDO TEMPO - La ripresa, cominciata con Hjsay al posto del claudicante Albiol, vede il Napoli protagonista, tanto per cambiare. Al 49' Allan e Insigne costruiscono un'azione 'sarriana' ma l'attaccante invece di tentare il tiro da ottima posizione opta per un complicato tocco al centro per Mertens, anticipato in angolo da Babic. Poco male. Il 3-0 arriva tre minuti dopo. A segnare il gol - neanche a dirlo - e' ancora Mertens: lancio di Hamsik, stop prodigioso del belga che dal limite trafigge l'incolpevole Borjan. Una perla che manda in estasi il San Paolo
La partita sembra finita ma a riaprirla e' Ben El Fardou - lanciato da una geniale intuizione di Marin - che batte Ospina con un sinistro a incrociare al 57'. Il gol regala un pizzico di coraggio in piu' ai serbi che pero' non riescono mai ad arrivare pericolosamente dalle parti di Koulibaly. Il Napoli controlla senza ansia grazie anche al solito Allan scintillante che in mezzo al campo sale in cattedra rubando palloni a tutti. Nell'ultimo quarto d'ora Ancelotti sceglie di rinforzare il centrocampo inserendo Zielinski al posto di InsigneFabian Ruiz ci prova di nuovo dal limite all'80' senza trovare la fortuna sperata. E' questa l'ultima fiammata in un match che il Napoli porta a casa senza soffrire. Una dimostrazione di grande maturita' in vista della sfida da dentro o fuori di Anfield del prossimo 11 dicembre.