Play off - andata
Finale
1.tempo

Marcatori

23 ottt 2019
SALISBURGO - NAPOLI
2 - 3
1 - 1
17' Mertens, 40' Haaland (r), 64' Mertens, 72' Haaland, 74' Insigne

 

23 ottobre 2019


SALISBURGO 2 - 3 NAPOLI

Reti: 17' D. Mertens, 40' Haaland rig., 64' D. Mertens, 72' Haaland, 74' L. Insigne
SALISBURGO: (4-4-2): Stankovic (32' Coronel), Kristensen, Ramalho, Wober, Ulmer, Minamino, Mwepu (89' Koita), Junuzovic, Daka (68' Ashimeru), Hwang, Haaland. A disp. Okugawa, Onguene’, Carlos, Szoboszlai, Vallci All. Jesse Marsch
NAPOLI: (4-4-2): Meret, Malcuit, Koulibaly, Luperto, Di Lorenzo, Callejon (80' Elmas), Allan, Fabian Ruiz, Zielinski, Lozano (65' Insigne), Mertens (76' Llorente). A disp.Ospina, Gaetano, Younes, Milik. All.Carlo Ancelotti.
Ammoniti: Lozano, Haaland, Fabian Ruiz, Llorente.
Espulsi: -.
Angoli: 8 a 1
Recupero: 5' p.t., 3' s.t
Note: circa 2.000 tifosi del Napoli sugli spalti.
Arbitro: Turpen (Francia)

Salisburgo, 23 ottobre 2019

Salisburgo-Napoli 2-3: super Mertens e Insigne, che show! Doppietta dell'attaccante belga (superato Maradona con 116 gol fra i marcatori azzurri di tutti i tempi) e zampata del capitano: Ancelotti sbanca la Red Bull Arena e consolida il primato nel girone.

Tre punti su un campo dove nessuno vinceva da 70 partite, il primo posto nel girone davanti al Liverpool consolidato, la doppietta di Mertens che supera Maradona, il gol di Insigne che va ad abbracciare Ancelotti: la notte del Napoli a Salisburgo e' stata perfetta. Perche' oltre al successo rida' consapevolezza a una squadra che sembrava essersi smarrita nelle ultime settimane e che invece torna dall'Austria molto piu' convinta delle sue potenzialita'. Occasioni così possono essere una svolta per la stagione.

Ancelotti senza mezza difesa - Nella bolgia della Red Bull Arena c'e' un Napoli incerottato, con piu' di mezza difesa fuori: alle assenze di Maksimovic, Ghoulam, Mario Rui e Hysaj, si aggiunge in extremis anche quella di Manolas, che va in tribuna per un problema al costato. Ancelotti e' costretto a inventarsi una linea con Malcuit a destra, Koulibaly e Luperto centrali e Di Lorenzo a sinistra, in panchina non c'e' nemmeno un difensore. Per gli azzurri e' l'undicesima formazione in 11 partite stagionali, con il tandem d'attacco Lozano-Mertens e l'esclusione di Milik, nonostante l'anticipazione di De Laurentiis che lo dava in campo.

Mertens, una serata magica - I ritmi di gioco con cui si affrontano le due squadre sono impressionanti, il Napoli soffre a contenere la veemenza degli attacchi del Salisburgo, ma quando ha la palla e' bravo a costruire con il fraseggio e con improvvise fiammate. Mertens fa capire subito che per lui non sara' una serata come le altre. Sfiora il gol dopo nemmeno un minuto di gioco, non sbaglia invece quando Callejon lo manda a nozze fra le linee: la rete che gli consente di acciuffare Maradona a 115 fra i marcatori azzurri e' un capolavoro di precisione e potenza e fa esultare i tanti tifosi azzurri in trasferta. Non contento, il belga rischia di segnare un gol capolavoro con un tiro da meta' campo che addirittura fa infortunare il portiere del Salisburgo Stankovic nel tentativo di recuperare (dentro Coronel).

Haaland, un talento vero - Ma c'e' anche tanto Salisburgo in un primo tempo ricco di emozioni: dopo un gol annullato per fuorigioco a Haaland, e' un gigantesco Meret a salvare due volte sullo stesso attaccante norvegese e poi su Daka. E' Malcuit pero' a commettere la leggerezza su un guizzo di Hwang che regala sempre a Haaland il rigore del pareggio.

Insigne firma il colpo - Non si poteva continuare 90 minuti con la stessa intensita' e inevitabilmente il secondo tempo si gioca a ritmi piu' bassi. Le emozioni e i colpi di scena pero' non mancano. Ancelotti inverte Zielinski con Fabian Ruiz e il Napoli ne trae vantaggi in termini di sviluppo di gioco. Cosi' e' una bella trama Allan-Malcuit sulla destra a portare Mertens al raddoppio e al suo gol numero 116 in azzurro. Esce un esausto Lozano (in crescita) e c'e' spazio per Insigne, ma e' il 20enne Haaland (finito anche sul taccuino di Giuntoli) ad acciuffare di nuovo il Napoli con un preciso colpo di testa con Koulibaly che salta a vuoto. Nemmeno il tempo di arrabbiarsi per il pareggio per Ancelotti, perche' Mertens regala a Insigne la palla del meritato 3-2. L'esultanza del capitano azzurro e' speciale, perche' e' un abbraccio all'allenatore dopo le polemiche delle ultime settimane. Con Llorente nel finale al posto di Mertens, gli azzurri portano a casa una vittoria che fuori casa in Champions non arrivava da tre anni e che profuma di qualificazione agli ottavi. (corrieredellosport.it)