1
     
24^ GIORNATA - 27/02/2005
BENEVENTO - SAMBENEDETTESE

2 - 1

CITTADELLA - MARTINA 0 - 0
FERMANA - FOGGIA 0 - 4
LANCIANO - GIULIANOVA 0 - 0
NAPOLI - SPAL 1 - 0
REGGIANA - AVELLINO 1 - 1
SORA - PADOVA 1 - 2
TERAMO - CHIETI 1 - 1
VISPESARO - RIMINI 1 - 2
 
SPAL
0
     
32´ st Sosa (N)
Arbitro: Ciampi di Roma.
Angoli: 6-4 per il Napoli.
Recupero: pt 2´, st 5´.
Ammoniti: Sadotti, Ignoffo, Calaiò, Montervino, Pirri, La Canna, Sosa, Fontana

Espulsi:

Note: Spettatori 35mila circa
Gianello, Grava, Bonomi, Montervino, Terzi, Ignoffo, Fontana, Consonni (20´ st Corrent), Calaiò (31´ st Sosa),Capparella (1´ st Abate), Pià. A disp.: Renard, Mora, Gatti, Montesanto. All.: Reja
SPAL

Pierobon, Macchia, Aurellio, Pirri (49´ st D´Angelo), Fedeli, Sadotti, La Canna, Valeri, Selva, Altobelli (24´ st Apa), Berrettoni (22´ st De Franceschi). A disp.: Lorenzini, Ceravolo, Magri, D´Angelo, Apa, De Francesco, Villa. All.: Allegri

NAPOLI 27 febbraio 2005

La tanto temuta sosta ha portato bene. Dopo il ko patito nel derby al Partenio, il Napoli riprende la marcia play-off superando la Spal. Lo fa alla fine di una partita sofferta, spigolosa, condita da un primo tempo noioso e da una ripresa pirotecnica. Due rigori sbagliati, dall´una e dall´altra parte, tanto nervosismo (8 in tutto gli ammoniti), forse per tre punti che man mano che il tempo passava sembravano svanire. Se ciò non è accaduto lo si deve al Pampa Sosa, che a meno di un quarto d´ora dalla fine e a soli 18 secondi dal suo ingresso in campo, ha levato le fatidiche castagne dal fuoco regalando a se stesso il sesto gol stagionale e agli azzurri un successo che, anche grazie al pareggio della Reggiana nel match con l´Avellino, li riporta ad occupare il terzo posto in classifica. Consonni e Montervino tornano a disposizione di Reja, che contro i romagnoli non cambia modulo (nei giorni scorsi si era paventata l´ipotesi che l´allenatore goriziano optasse per 4-2-3-1 stile Real Madrid) e sostituisce al centro della difesa Scarlato, fermato in settimana dal giudice sportivo, con Terzi. In avanti il tridente composto da Capparella, Calaiò e Pià. Turno di riposo per Abate che siede in panchina. Al San Paolo torna Emanuele Berrettoni nelle vesti di ex. Ma tra gli ex della gara figurano anche Consonni, lo stesso Edy Reja. e il tecnico spallino Massimiliano Allegri, (la sua esperienza all´ombra del Vesuvio nel 1997-98 coincise con la retrocessione in serie B), che ripropone lo stesso schieramento (4-4-2) e la stessa squadra che due settimane fa ha battuto in casa la Fermana, meno gli squalificati Milana e Cavallo.

La cronaca. Al 13´ Ignoffo svetta in area, colpisce la sfera di testa sotto misura, libera in angolo la difesa spallina. Su capovolgimento di fronte Sella tenta il pallonetto di testa, ma Gianello non si lascia sorprendere, arretra di qualche passo e smanaccia sopra la traversa. La Spal gioca bene, Pirri è la mente dei suoi e ispira tutte le manovre offensive. La squadra di Allegri crea diversi pericoli a dimostrazione che non nutre alcun timore reverenziale nei confronti degli azzurri. Azzurri che, invece, faticano a costruire gioco. Fontana non appare in giornata e i compagni sbagliano a cercarlo sempre e comunque. Anche Capparella, che nei piani di Reja dovrebbe fare la spola tra la linea offensiva e quella di centrocampo, appare fuori forma, quasi svogliato. E così il Napoli va avanti a sprazzi nella speranza di trovare improvvisamente l´occasione per sbloccare il risultato. Al 26´ su una punizione battuta da Fontana, Calaiò sfiora la palla che si perde di poco sul fondo vicino al palo alla destra di Pierobon. Al 26´ il direttore di gara alza il cartellino giallo sotto il naso di Ignoffo, reo di un fallo nei pressi dell´area azzurra. Diffidato, il difensore siciliano sarà costretto a saltare per squalifica la trasferta di Chieti. Nel giro di cinque minuti il Napoli va vicino al gol del vantaggio con Calaiò per due volte e con Pià, ma errori di mira e prodezze di Pierobon evitano la capitolazione dei romagnoli. La prima frazione di gioco, a tratti nervosa (ben tre gli ammoniti nella prima mezzora), si chiude con una parata a terra di Gianello dopo un calcio di punizione calciato da Sadotti dal limite della 16 metri.

La ripresa è tutta da raccontare. Nel Napoli che ritorna in campo dopo l´intervallo non c´è più Capparella. Al suo posto, infatti fa il suo ingresso Abate, che regala numeri e accelerazioni sulla fascia destra. Pronti via e Calaiò viene strattonato in area da Fedeli. Lops lascia proseguire tra le proteste, specie quelle di Montervino, che viene ammonito. Al 10´ La Canna libera in verticale Berrettoni davanti a Gianello, che respinge in uscita il tiro a botta sicura dell´ex azzurro. La Spal risponde colpo su colpo alla squadra di Reja, che forse commette un solo errore: quello di attaccare a pieno organico e di allungarsi, consentendo ai romagnoli di trovare ampi spazi in contropiede. In uno dei tanti, ispirato dal solito Pirri (siamo al 15´), dalla sinistra giunge un traversone basso nell´area napoletana, ma per fortuna né Berrettoni, né La Canna, che colpisce l´esterno della rete, sanno approfittarne. Tra il 20´ e il 25´ va in scena il valzer delle sostituzioni. Nel Napoli esce uno spento Consonni per fare spazio a Corrent; nella Spal Apa e De Franceschi surrogano Altobelli e Berrettoni. Passano pochi secondi e gli azzurri vanno davvero vicinissimi al vantaggio. Sotto la porta di Pierbon si crea una grande mischia, Grava, Calaiò e Pià le provano tutte, ma non riescono a centrare il bersaglio. Sull´azione seguente Fedeli non trova di meglio che atterrare Calaio appena entrato in area, costringendo l´arbitro a decretare il rigore. Sul dischetto si presenta Fontana, che, però, si fa respingere il tiro da Pierobon. Cala il gelo sugli spalti del San Paolo. Il Napoli non demorde, però, e continua ad attaccare. Al 27´ ci si mette anche la sfortuna: Pierobon arriva in ritardo su un traversone di Montervino, la palla giunge tra i piedi di Corrent che calcia a rete, un difensore spallino si trova sulla traiettoria e l´occasione sfuma. Al 31´ esce Calaiò sostituito da Sosa. Passano 18 secondi e l´argentino insacca alle spalle di Pierobon raccogliendo un bell´assist di Pià dalla destra. L´innesto del Pampa si rivela ancora una volta vincente. Stessa cosa accade a Padova col Cittadella. Ma non è finita qui. La Spal non si arrende e attacca alla ricerca disperata del pareggio. L´occasione capita al 42´: Montervino, in chiusura su De Francesco, tocca la sfera col braccio in piena area. Lops non ha dubbi e fischia il rigore. Selva imita Calaiò e si fa parare la conclusione da Gianello. Dopo 5 interminabili minuti di recupero arriva il triplice fischio e comincia la festa azzurra in campo e sugli spalti. Ora il Napoli è atteso al varco da due trasferte consecutive. La prima tra sette giorni a Chieti, la seconda il 13 marzo a Benevento. Entrambi i test dovrebbero essere alla portata degli azzurri. E 6 punti su 6 rappresenterebbero un ottimo viatico nella corsa alla definitiva griglia dei play-off.


Classifica 2004-2005 - Serie C1 - Girone B
   

P.

G.

V.

N.

P.

F.

S.

1
RIMINI

50

24

14

8

2

35

13

All.: Gianpiero Ventura

Dal 18/01/2005 Edy Reja

2
AVELLINO

53

24

15

8

1

36

16

3
NAPOLI

39

24

11

6

7

32

25

4
REGGIANA

38

24

9

11

4

29

15

5
LANCIANO

37

24

10

7

7

28

26

6
PADOVA

35

24

10

5

9

33

27

7
SAMBENEDETTESE

33

24

8

9

7

24

19

8
BENEVENTO

32

24

7

11

6

21

23
9
TERAMO

32

24

8

8

8

25

27

Marcatori
10
FOGGIA

31

24

7

10

7

26

22

Ignoffo (3), Savino (1), Toledo (1), Gatti (1), Abate (2), Varricchio (4), Sosa (6/1), Montesanto (1), Corrent (2), PiĆ  (1), Gautieri (1), Montervino (1), CalaiĆ² (3), Toledo (1), Fontana (1), Scarlato (1), Autogol (2)

* Penalità: Sora -2

11
SPAL

30

24

7

9

8

18

19
12 FERMANA

28

24

7

7

10

21

28
13
MARTINA

26

24

6

8

10

20

31
14 CITTADELLA

25

24

5

10

9

21

28
15 GIULIANOVA

24

24

6

6

12

13

31
16
CHIETI

23

24

4

11

9

13

21
17
SORA *

19

23

4

9

10

21

30
18
VIS PESARO

16

24

3

7

14

12

26
 

Camp. 2004/05
23^ giornata

Camp. 2004/05
25^ giornata